I’m lost Sanremo!

Sono 7 giorni che sto cercando di farmene una ragione, ma la scorsa settimana avevo cose da fare e mi sono perso l’appuntamento televisivo con il Festival della canzone italiana. A quanto pare il migliore degli ultimi anni, non per quanto riguarda le canzoni, passate in secondo piano da tempo, ma per lo spettacolo. Sicuramente quello dei cache spropositati, dalle presenze più intense ed emozionanti. A Conti fatti, uno dei migliori festival! Ed io me lo sono perso… ;-(… più o meno perché il web ha rigurgitato “il meglio di”, così ho visto il micro-festival, quello solo da applauso. Come nella vita, anche una giornata qualsiasi può diventare una pagina da best-seller, e così è stato anche per gli spotlights dalla Riviera dei Fiori. È impossibile immaginarsi la cadenza dell’inverno senza il profumo dei fiori di Sanremo. Ricordo quando i giorni successivi  al Festival era tutto un canticchiare ritornelli, mentre le canzoni di oggi, forse, non le ricorderà nessuno e se sentiremo canticchiare a qualcuno un motivetto orecchiabile, probabilmente si tratterà di un Sanremo old style. Perché é diventato così difficile scrivere belle canzoni? Accade ancora, ma è sempre più raro ascoltare un brano e pensare:”questa resterà per sempre!” 
Io posso tentare una risposta, la mia risposta, in base all’esperienza personale come autore. La vita é cambiata. È cambiato il modo di sentire la vita intorno. Tutto dura di più o di meno di 3 minuti e 50 secondi… una volta si cantava per cercare un sentimento, una passione, uno stimolo. Oggi…qual’é l’ultimo motivetto che avete cantato?

  

Successivo Parole che fanno Eco...

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.